giovedì 1 dicembre 2011

Il cammino dell'eros di Cristina Contili e Laura Gay (seconda puntata)



Cristina e Laura di nuovo insieme per parlare d'amore.

Dieci racconti che parlano di erotismo, sensualità, amori leciti ed illeciti. Dieci storie tra personaggi veramente esistiti, e le storie romanzate dei loro amori, e altri di fantasia. 

Cristina e Laura ci accompagnano nelle loro scene, illustrandocele con mano ferma e voce accorata. 

Tante piccole curiosità ci portano a conoscere lati impensati di maestri dell'arte o rafforzano l'idea su cui abbiamo tanto sognato, leggendo di posti e tempi in cui l'amore era determinante nella vita delle persone.

Le autrici sono state bravissime a raccontare queste passioni senza veli, ma senza neppure cadere nella volgarità o nella banalità.

Non voglio fare troppi spoiler, perché vi consiglio vivamente di leggere questo libro, ma guardiamo un po' più da vicino alcuni protagonisti.

Si comincia con "La Fornarina' in una bella immagine in cui Raffaello ci racconta, in prima persona, come è rimasto irretito dalla sua "bontà". Lo segue un altro artista, Rembrant, anzi la sua amante che ci racconta il loro amore illecito.
Tra i racconti di fantasia, molto sensuale quello di Laura, "Innocente seduzione", l'autrice è molto brava a farci entrare nella scena, quasi fossimo dei voyeur, provocando la nostra empartia verso l'innocenza di lei e l'eccitazione di lui, vivendo insieme a loro la crescita del desiderio.

L'ultimo pensiero lo riservo a Camille et Emile, di Cristina Contili. Molto appassionato e appassioante il racconto ci dipinge lo strazio della malattia e del genio sprecato di Camille e la bontà e il conflitto di Emile. L'angoscia dei protagonisti, soprattutto di lei, si trasmette empaticamente al lettore, facendoci comprendere il dolore e lo spaesamento che doveva aver provato lei.

Complimenti a entrambe.



2 commenti:

  1. Grazie per la bellissima recensione, Lib! Bacioni.

    RispondiElimina
  2. Ciao Laura, è stato un piacere leggervi.

    RispondiElimina